Due apparecchi acustici o uno – 10 fattori da considerare (2 parte)

By | 22 novembre 2015

Due apparecchi acustici o uno solo – sai come scegliere?

Sei in dubbio se prendere due apparecchi acustici o uno solo (come si faceva una volta)?

Pochi giorni fa ho scritto una premessa molto approfondita (parte 1 dell’articolo) riguardo a questa scelta MOLTO importante che devi affrontare.

Ok, ora che le differenze tra il prezzo, la comprensione della voce e l’accettazione psicologica tra uno o due apparecchi acustici ti sono chiare posso passare ad altri tre punti per oggi:

  • il prezzo (lo trovi nella 1a parte)
  • la comprensione della voce (la trovi nella 1a parte)
  • l’accettazione psicologica (la trovi nella 1a parte)
  • la perdita uditiva
  • malformazioni o anomalie fisiche
  • l’equilibrio
  • la vita sociale
  • la protezione uditiva
  • la localizzazione sonora
  • la storia acustica

La tua perdita uditiva può indicare se devi mettere due apparecchi acustici o uno soltanto

Qui sfondo una porta aperta. Potrei parlartene per ore ma cercherò di semplificarti tutto il più possibile.

Anche qui ti ricordo un principio che sembra scontato (ma ti garantisco che nei fatti non lo è) :

Se hai una perdita uditiva in cui puoi intervenire e avere dei benefici con due apparecchi acustici allora dovresti farlo.

Nel senso che, se il tuo orecchio ha una perdita uditiva tale da compromettere (in parte o del tutto) la tua vita sociale, ma non è così grave da essere irrisolvibile , allora dovresti usare l’apparecchio acustico.

Eppure, vedo un sacco di persone che hanno acquistato una protesi in altre aziende,  e hanno scelto di utilizzarla da una parte sola, senza nessuna logica tecnica! (nel senso che preferivano così). Per me è ovvio che queste persone non sono contente, sarebbe stato meglio spendere di meno ma utilizzarne due.

Se hai un problema di udito, statisticamente al 90/95% hai un problema che riguarda entrambe le orecchie e con due apparecchi acustici puoi risolvere il tuo problema.

Se invece hai un problema di udito e sei nel restante 5/10% ci sono due possibilità:

  • hai problemi di udito in un orecchio ma con l’altro ci senti perfettamente
  • hai problemi di udito in un orecchio e l’altro è gravemente danneggiato, per cui non ci senti proprio

In entrambi questi  casi è logico l’utilizzo di un solo apparecchio acustico, perchè il secondo apparecchio proprio non lo puoi mettere.

A dirla tutta per quanto riguarda la seconda situazione dovrei parlati del sistema BICROS. Ma te ne parlerò più avanti in un post dedicato.

Se hai malformazioni fisiche devi mettere uno o due apparecchi acustici ?

Questa è la più semplice ma come ogni cosa ovvia nasconde le sue sorprese.

Se hai qualche malformazione che non ti permette di portare l’apparecchio acustico allora è ovvio che in quell’orecchio ne farai a meno.

Un paio di mesi fa ho visto una persona con un quadro audiologico piuttosto insolito e il suo condotto uditivo destro aveva un colore che non mi piaceva così le ho consigliato subito una visita da un bravo otorinolaringoiatra.

Risultato? La signora aveva un colesteatoma non operabile.

In questo caso il medico le ha dato il divieto assoluto di stimolare quell’orecchio e quindi, giustamente, mi sono concentrato solo sul sinistro.

Un’altra signora invece ha avuto una storia simile ma opposta.

Quest’ultima è venuta da me e nelle carte ho visto che il medico aveva dato il divieto assoluto di mettere due apparecchi acustici in quanto nella parte destra c’era una perforazione timpanica.

Io ho visto il timpano e subito ho notato che la perforazione non c’era più. Ho rivisto le carte e ho notato che la signora aveva fatto le prime visite dall’otorino negli anni ’80.

Quella volta il medico le aveva detto di non mettere l’apparecchio e evidentemente ogni medico che l’ha vista negli anni a venire ha fatto fede a quella prima diagnosi.

Cosa ho fatto? Ho chiamato il medico spiegandogli le mie perplessità.

La signora è tornata in ospedale e ha rifatto la visita con il medico che ha prescritto questa volta l’utilizzo di due apparecchi acustici.

Adesso la signora è passata dal capire il 40% delle parole al 90%!!

Cosa ho appreso? Mai dare niente per scontato.

Come incidono due apparecchi acustici nel tuo equilibrio?

Quando parlo di equilibrio a me viene in mente mia nipote di quasi due anni che cammina tutta sbilenca e che sembra che  debba cadere da un momento all’altro. Non ha sviluppato ancora tutti i muscoli e la coordinazione e quindi  il suo equilibrio è precario.

Ma l’equilibrio che interessa a noi in questo articolo è diverso infatti si parla di:

  • equilibrio fisico
  • equilibrio acustico

L’equilibrio fisico con due apparecchi acustici

Il tuo orecchio è composto grosso modo dall’orecchio esterno, medio ed interno.

L’orecchio interno a suo volta è composto:L'importanza di avere due apparecchi acustici per l'orecchio interno

  • dalla coclea
  • dai canali semicircolari 

La coclea è una porzione estremamente importante per il tuo udito in quanto ha la funzione di ricevere i suoni, decifrarli, codificarli e trasmetterli al tuo cervello.

In realtà se questa frase la legge un otorino o un audiologo penso che potrebbe spararmi un colpo di pistola all’istante ma adesso sto cercando di semplificarti il più possibile questi concetti, ok?

I canali semicircolari (assieme all’utricolo ed il sacculo) hanno invece la funzione di gestire il tuo equilibrio.

Due apparecchi acustici quindi influenzano i canali semicircolari?

Assolutamente no.

Gli apparecchi lavorano solo sul volume quindi apparentemente non dovrebbero darti alcun beneficio

I canali semicircolari sono la parte più importante per il tuo equilibrio ma non sono l’unico fattore.

Sono sicuro che hai provato qualche volta nella tua vita a camminare con gli occhi chiusi. Avevi la stessa sensazione di equilibrio? Molto probabilmente NO.

La stessa cosa vale se “chiudi” le orecchie. Ovviamente non lo puoi fare in quanto l’ascolto è incondizionato ma se entri in una camera anecoica ( camera estremamente silenziosa che si usa per fare prove tecniche) ti accorgi subito che mancano le informazioni sonore che sei da sempre abituato ad utilizzare in modo automatico.

Tutti i suoni che non senti a causa della sordità compromettono anche il normale funzionamento dell’equilibrio.

Usando due apparecchi acustici puoi ristabilire il più possibile il tuo sistema uditivo influenzandone positivamente anche l’equilibrio.

Spesso i miei pazienti al primo controllo mi dicono:

  • sento molto meglio
  • mi sento più sicuro nel camminare (equilibrio)
  • mi sento più energico

e per ultimo:

  • non mi sento più a disagio

L’equilibrio sonoro con due apparecchi acustici

Con i problemi uditivi più comuni (quindi sto parlando anche di quelli che potrebbero riguardarti) una delle cose che dobbiamo sempre cercare di ottenere è l’equilibrio acustico, ovvero il bilanciamento delle due orecchie.

In parole povere?

Devi sentire allo stesso modo sia a destra che a sinistra.

In questo caso il tuo cervello accetta molto più facilmente il suono dei due apparecchi acustici, si adatta più velocemente con il risultato che tu capisci molte più parole anche in mezzo alla confusione. I miglioramenti sono netti.

Hai grossissime difficoltà di adattamento quando invece porti un solo apparecchio perché il tuo cervello si ritrova a sentire in un modo nell’orecchio protesizzato ed in un altro nell’orecchio senza protesi.

Ciò crea confusione, fai molta più fatica ad abituarti a quei suoni “metallici” e “striduli” che prima non eri abituato a sentire.

Di conseguenza anche capire le parole in un contesto rumoroso come potrebbe essere il bar, il ristorante, la conferenza o semplicemente andando a far la spesa potresti avere notevoli difficoltà.

Questo capita in maniera più o meno definita in base alla tua situazione, infatti puoi avere l’apparecchio da una parte e:

  • sentire benissimo nell’altro orecchio
  • pnon sentire niente nell’altro orecchio
  • avere un abbassamento dell’udito nell’altro orecchio

In tutte e 3 le situazioni avrai delle difficoltà in quanto non c’è alcun bilanciamento uditivo tra le due orecchie.

Nel primo caso non puoi farci niente, per quanto posso essere bravo non riuscirò mai a farti sentire con l’apparecchio acustico allo stesso identico livello del tuo orecchio buono e, per esperienza, non sarai pienamente contento finché ciò non accade.

E’ importante essere chiari e onesti su questo punto.

Per quanto può essere valido il tuo apparecchio acustico e bravo il tecnico il suono non sarà mai all’altezza di un orecchio sano

Avrai qualche difficoltà di adattamento ma rimane comunque la situazione in cui puoi capire più parole.

Nel secondo caso puoi solo applicare una soluzione BICROS (ma come dicevo ti prometto che ne parlerò in futuro). In questo caso, non sentendo niente nell’altro orecchio puoi adattarti più facilmente in quanto il tuo cervello percepisce solo i suoni provenienti dall’apparecchio acustico.

Nel terzo caso non sei per niente bilanciato in quanto da una parte torni a sentire nella maniera corretta mentre nell’altra continui a sentire “male”. Il tuo cervello farà molta fatica ad abituarsi e ciò porta spesso “più confusione che altro”. Quindi io ti consiglio di non pensarci nemmeno e orientarti da subito a risolvere il problema mettendo due apparecchi acustici.

Per ultima cosa, riguardo all’equilibrio tra le due orecchie devo consigliarti di mettere due apparecchi acustici uguali.

Non puoi (non è consigliabile) mettere due marche diverse o comunque due modelli diversi.

Ogni azienda ha la sua “strategia di amplificazione” e ognuna lavora diversamente, perfino i modelli di una stessa marca sono estremamente diversi nel loro modo di lavorare.

Credimi, vedo sempre più persone che per un motivo o per l’altro portano apparecchi di marche diverse ed è ovvio che non siano soddisfatte.

Le cose che posso fare sono due:

  • cambio entrambi gli apparecchi
  • cambio un apparecchio in modo da formare la coppia uguale

Se hai qualche idea o dubbio scrivila pure, per me i tuoi commenti ed i tuoi feedback sono davvero molto importanti.

Gli ultimi quattro fattori che devi tenere in considerazione quando ti trovi a scegliere uno o due apparecchi acustici te li racconto fra qualche giorno.

Buon ascolto

Francesco Pontoni

Ps. se ancora non hai scaricato la guida gratuita al prezzo degli apparecchi acustici fallo ADESSO seguendo questo link:

http://apparecchiacusticipontoni.com/prezzo-degli-apparecchi-acustici/

PPs. Se vuoi sapere come scegliere il giusto apparecchio acustico fin da subito ti consiglio di leggere il libro NON SEI SORDO di cui sono uno degli autori.

 

 

Questa serie da articoli ho dovuto scomporli in tre parti in quanto ci sono tante cose da sapere e devo dare il giusto peso a ognuna.

AGGIORNAMENTO:

PARTE 1

PARTE 3

4 thoughts on “Due apparecchi acustici o uno – 10 fattori da considerare (2 parte)

  1. Pingback: Uno o due apparecchi acustici - 9 fattori da considerare (3 parte)

  2. Pingback: Devo mettere uno o due apparecchi acustici?

  3. mario

    Ringrazio di avermi fatto capire che 2 apparecchi acustici sono la cosa migliore da fare,mi dispiace molto di non essere vicino a lei ,purtroppo siamo lontani ,io sono in un paesino chiamato brisighella in emilia romagna,per adesso cerco di seguire i suoi preziosi consigli( adesso sono in prova con 2 apparecchi acustici dell’amplifon sono contento, pero’ sono purtroppo fuori bagget e dovro’ fare grossi sacrifici, vorrei sapere da lei se ci sono ditte migliori per qualita’ e prezzo prima di accettare il sacrificio.) distintamente salute Matera mario (email matera-mario@libero.it)

    Reply
    1. Francesco Pontoni Post author

      Buongiorno sig. Matera,

      intanto la ringrazio per la sua testimonianza.

      Poi..ci sono tante cose da considerare. E’ difficile darle un suggerimento così.

      Per ora sa dirci che soluzione e a che prezzo glieli hanno proposti?

      Francesco Pontoni

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *