Apparecchi acustici a Latisana: perché devi prendere quelli giusti?

By | 10 dicembre 2017

Devo farti subito una premessa. E’ da un po’ che scrivo articoli sulle varie città. Oggi ti parlo degli apparecchi acustici a Latisana (provincia di Udine) ma quello che ti racconto può capitare anche a te che magari abiti a Venezia, piuttosto che Milano o a Gela.

Devi subito capire che ogni persona è a sé e ha la sua storia. Proprio in questi giorni ho visto un bel post su facebook di Sara Giada Gerini. Non la conosco personalmente ma è un personaggio pubblico e porta avanti la campagna “facciamoci sentire”. E’ un movimento che vuole salvaguardare i diritti dei sordi e anzi vuole “farsi sentire” per tutti quei diritti che, ahimè, non sono a loro concessi.

Sara con poche parole ha colto nel segno quello che voglio spiegarti in questo articolo. Tutti hanno una perdita di udito ma ognuno ha la sua storia. Ognuno ha perso l’udito in un determinato modo ed ha una vita con esigenze diverse. Ognuno ha il suo carattere e le sue preferenze acustiche.

Tutti questi aspetti sono molto importanti per noi audioprotesisti perché dobbiamo adattarli agli apparecchi e alla giusta riabilitazione uditiva per darti i migliori risultati possibili.

Anche se ogni persona è diversa dalle altre mi sono reso conto negli anni che in certe zone ci sono sempre delle affinità. Oggi ti parlo degli apparecchi acustici a Latisana ma in passato ti avevo già parlato delle persone di:

Infatti a Pordenone mi ero accorto di avere tantissime persone interessate all’Università della terza età. A Mestre mi sono accorto invece che l’interesse era verso il teatro e a Trieste sulle barche a vela. Non significa che tutti i triestini vanno in barca ma è comunque una passione che accomuna molti di loro.

Perché non sentire bene in tutti gli ambienti?

Se non hai letto gli altri articoli allora devo farti un piccolo riassunto.

Una persona che sente bene riesce a capire le parole nella maggior parte delle situazioni. Se va dal dottore, a teatro, in barca o in ristorante. Una persona che ci sente bene riesce a comunicare senza troppe difficoltà.

Se invece hai un problema di udito non lo puoi risolvere al 100%. Gli apparecchi acustici sono estremamente avanzati ma non possono essere paragonati alla natura! L’orecchio poi è un organo incredibile e non ha uguali nel mondo dell’elettronica.

Ti dico questo perché con gli apparecchi acustici è sempre un “gioco di compromessi”. Il livello tecnologico è altissimo, pensa che riescono ad “analizzare” i rumori e le voci che ci sono nell’ambiente fino a 500 volte ogni secondo. Incredibile! Eppure spesso non basta perché dobbiamo adattarli ad un organo che non funziona perfettamente.

O meglio, quello che pochi capiscono è che le orecchie ti fanno sentire ma è il cervello che ti fa capire le parole!

Prima di capire le parole dobbiamo quindi far in modo che il tuo cervello si riabitui a sentirle, a sentire i suoni, i rumori che non sente più bene da tempo…

Anche se è quello che vogliono tutti dal primo giorno devi sapere che è impossibile capire le parole senza prima adattarti e abituarti a “risentire” tutti i suoni. Infatti le persone mi dicono “a me interessano solo le parole, non i rumori”…

Ecco, questo è il primo compromesso che va deciso assieme al tuo tecnico.

Se vuoi capire le parole inevitabilmente devi tornare a sentire anche tutti gli altri suoni ( che comunemente chiamiamo “rumori”) proprio perché bisogna andare per gradi. Il cervello sente molto più facilmente i suoni mentre per capire le parole necessita di uno sforzo cognitivo decisamente maggiore. Devi arrivarci gradatamente.

Il secondo compromesso sono gli… ambienti! Gli apparecchi acustici vengono progettati e realizzati con lo scopo principale di farti sentire e capire le parole durante una conversazione frontale (entro i 3 metri).

Tutto ciò che comprende situazioni “differenti” richiede delle modifiche sugli apparecchi e per la maggior parte delle volte queste modifiche non sono efficienti se sono “automatiche”.

E’ meglio scegliere bene la strategia fin da subito

Si, la strategia. Il tuo tecnico audioprotesista deve avere una strategia ben chiara su come farti sentire bene in base alle tue esigenze. Se sa di non potercela fare deve almeno essere onesto con te fin dall’inizio.

Deve dichiarare quali sono i compromessi. Se qualcuno ti garantisce che sentirai perfettamente in tutte le situazioni allora alzati e allontanati…

Va scelta la marca, il modello, la fascia tecnologica in base a quali sono le tue esigenze. Se vuoi sapere quali sono le fasce di prezzo degli apparecchi acustici ti basta cliccare qui. E’ un lavoro che deve fare il tuo tecnico assieme alla tua collaborazione ma se vuoi saperne di più ti consiglio di dare un’occhiata a questo video:

Oltre a questo il tuo tecnico deve capire qual è la marca che potrebbe risolvere meglio le tue difficoltà. Devi sapere che ogni marca ha i suoi brevetti per cui gli apparecchi di una marca hanno tecnologie differenti dalle altre.

A volte serve che l’apparecchio fischi meno possibile oppure che ti “aiuti” dal punto di vista cognitivo e così via..

Cosa accomuna chi prende gli apparecchi acustici a Latisana?

Questa volta la scoperta l’ho fatta parlando con il mio collega: il dott. audioprotesista Enrico Zollia.

Lui lavora in questa cittadina da molti anni e si è accorto che la maggior parte delle persone ha una perdita dell’udito causata dal rumore!

Tante persone qui lavorano in piccole fabbriche che fino a qualche anno fa non erano organizzate dal punto di vista della prevenzione.

Nel posto di lavoro dunque gli operai lavoravano 6/8h al giorno in presenza di tantissimo rumore. Era normale così.

Quello che era normale per loro non lo era peró per le loro orecchie.

Ti ho già detto che la natura è fantastica e ha pensato praticamente a tutto. Le orecchie sono fatte con lo scopo di captare eventuali segnali d’allarme e anche per facilitare la comunicazione.

Non sono state “progettate” invece per “resistere”tutti i giorni a rumori estremamente forti generati da macchine.

In questa situazione l’orecchio ne soffre e non ha rimedi. Ogni giorno si deteriorano delle cellule dell’orecchio e ciò provoca importanti conseguenze.

Te ne avevo già parlato in un altro articolo, lo trovi qui.

Qual è la conseguenza principale per queste persone?

Ti ho detto poco fa che a causa del rumore si deteriorano le cellule presenti nel tuo orecchio interno.

Non tutte, solo alcune. Questo è il primo problema.

Infatti non ti ritrovi a “sentire di meno” ma inizi a non sentire solo certi suoni. Proprio perché ogni cellula del tuo orecchio ti fa sentire determinati suoni o meglio determinate lettere dell’alfabeto.

Le persone che hanno gli apparecchi acustici a Latisana hanno spesso questo problema. Sentono benissimo certe lettere dell’alfabeto e non sentono per niente delle altre (tipo la “s”, “f”, “c”..).

Quando ti parlo di strategia intendo proprio questo. In questo caso hai bisogno di apparecchi acustici che siano in grado di farti sentire bene certe lettere e non altre.

Se senti “tutto più forte” ti ritrovi a sentire male in qualsiasi situazione.

Poi ci sono almeno altri 3 fattori importanti da tenere in considerazione:

  • devi usare uno o due apparecchi acustici?
  • la velocità di adattamento
  • la qualità sui suoni forti

Sembrano cose molte complicate ma in realtà non è così.

Chi usa gli apparecchi acustici a Latisana usa uno o due apparecchi acustici?

Ne ho parlato tanto a riguardo in altri articoli. Se hai una perdita di udito “simile” in entrambe le orecchie è fondamentale che tu abbia due apparecchi acustici. In questo video ti spiego tutto nel dettaglio:

Altrimenti quando indossi gli apparecchi acustici rischi di sentire in un modo da una parte (con l’apparecchio acustico) e in un altro modo nell’altro. Il tuo cervello non ha modo di abituarsi bene in quanto riceve due tipi di suoni ben differenti. Già è una situazione difficile se poi il tuo tecnico sbaglia anche la strategia…

Cos’è la velocità di adattamento?

E’ proprio la velocità che hai nell’abituarti agli apparecchi acustici. Dipende tantissimo da:

  • quanti anni hai
  • da quanti anni hai il problema di udito
  • dagli apparecchi acustici

Dato che per le prime due condizioni non possiamo far granché dobbiamo per forza scegliere quei apparecchi che ti consentono di abituarti nel minor tempo possibile.

Qualità sui suoni forti

Devi sapere che chi ha un problema di udito causato dal rumore ha quasi sempre anche un’estrema sensibilità ai suoni forti.

Significa che un determinato suono potresti sentirlo al 50-60% in meno MA allo stesso tempo appena inizi a sentirlo ti potrebbe dare perfino fastidio!

Capita spesso con le tazzine del caffè, con i piatti, i bicchieri o lo sciacquone del water. Questi sono tutti suoni “acuti” che solitamente in queste situazioni danno piuttosto fastidio.

E’ molto importante scegliere un apparecchio acustico che ti dia meno fastidio possibile per questi suoni forti. In questo il mio collega Enrico Zollia è diventato un vero esperto. Nessuno ha mai visto tanti “traumi acustici” quanti lui.

Cosa fare prima di mettere gli apparecchi acustici a Latisana?

Onestamente stai già facendo tanto. Solo per il fatto che stai leggendo questo articolo significa che sei consapevole della tua situazione e vuoi risolverla al meglio. A questo punto posso darti due ulteriori consigli:

  1. se vuoi capirne ancora di più puoi continuare a leggere questo blog oppure leggere direttamente il libro NON SEI SORDO! di cui sono uno degli autori.
  2. chiamare il numero 848-390019 e prendere un appuntamento con il mio collega, il dott. Enrico Zollia. Se sai già che devi prendere degli apparecchi acustici a Latisana lo trovi in via Sottopovolo 11/13.

Buon ascolto,

Francesco Pontoni

Ps. Se devi prendere degli apparecchi acustici a Latisana ma non sei ancora convinto di fare questo passo allora ti consiglio di leggere il libro NON SEI SORDO!.

PPs. Guarda le ultime testimonianze che ci hanno lasciato i nostri pazienti di Latisana:

Il sig.Luciano da Palazzolo dello Stella

Da Marano Lagunare

Da Lignano Sabbiadoro il sig. Lorenzo.

Se ne vuoi vedere altre clicca qui.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.