Audioprotesista: come capire se è competente o meno?

di | 27 Maggio 2021

Come fai a capire se l’audioprotesista che hai di fronte è competente o meno, soprattutto se è la prima volta che metti piede in un centro acustico? 

Hai mai preso un aereo, per viaggio o per lavoro? Una volta decollato, se sei un viaggiatore assiduo, hai già un libro in mano o un giornale da sfogliare. Ma se l’aereo non è il tuo mezzo di trasporto preferito, ti trovi fermo immobile al tuo posto che cerchi di gestire “la paura” del volo.

Una volta che il capitano spegne le luci “delle cinture allacciate”, il personale di bordo inizierà a passare con il carrello a offrire qualcosa da bere, sempre che non ti trovi su un volo low-cost, dove manca solo pagare per usare il bagno. Tu con gli occhi scandagli quello che ti circonda verificando se l’aeromobile è pulito e la cordialità del personale di volo.

Eppure pochi metri più avanti, chiusi in cabina, ci sono i piloti che passano quel tempo facendo continui controlli, verifiche e manovre correttive per portarti a destinazione sano e salvo. Non te ne rendi conto, perché sei focalizzato su ciò che vedi e conosci (a meno che tu non sia un pilota in pensione). In quel momento non pensi che in un volo aereo le cose che potrebbero andare storte sono pressoché infinite.

Il personale è addestrato, formato e motivato a evitare errori e lo fa per la tua sicurezza. Quando paghi un volo aereo non paghi il drink offerto o il film proiettato, paghi dei professionisti che risolvono continuamente delle operazioni complesse necessarie a volare in sicurezza. Ebbene anche per molte altre professioni avviene qualcosa di simile.

Se ti stai chiedendo cosa centrano gli aerei con gli audioprotesisti e gli apparecchi acustici, non temere. Te lo spiego subito. Nel mondo dell’udito ad esempio le pubblicità sono piuttosto fuorvianti nel lasciare intendere che “indossi gli apparecchi acustici e all’improvviso senti tutto perfettamente”.

Se ti rechi in un centro acustico, come avviene per un volo aereo, fai valutazioni su tematiche che conosci: il prezzo che sei disposto a spendere, la cortesia e la preparazione del personale e infine l’efficacia di quanto acquistato.

Quello che non vedi è tutto quello che ci sta dietro, e come per un volo aereo, puoi trovare personale da compagnia aerea di lusso e compagnia aerea low-cost, dove pagherai anche per portare la borsa in cabina (all’aggiunta del bagaglio a mano). Infatti a volte si trova un audioprotesista capace che gestisce tutto al meglio ma ahimè, come può capitare in ogni settore, c’è sempre il rischio di capitare anche da qualcuno che lavora un po’ più “superficialmente”.

Anni di esperienza in questo settore, dell’udito, mi hanno dato la possibilità di vedere il buono e il cattivo tempo di questo lavoro. Per questo mi sono permesso di fare una rassegna degli errori più comuni che credo possa fare chi fa il mio lavoro, l’audioprotesista. 

Due considerazioni: la prima è che li esporrò secondo l’ordine cronologico dall’inizio, da prima della visita al controllo dopo la consegna degli apparecchi; la seconda è che sono mie considerazioni che porto come una sorta di autocritica, legate alla mia personale esperienza e al confronto con i miei colleghi. Non vuole essere intesa come un giudizio verso audioprotesisti che hanno approcci diversi del mio.

Marketing e pubblicità

Uno degli errori più ricorrenti: dare aspettative non reali. Infatti ti sarà capitato di vedere pubblicità sugli apparecchi, sul tuo profilo Facebook, leggendo il giornale o guardando la televisione. Non appena ti rechi in un centro audioprotesico hai già un’idea di massima su quello che desideri. Per cui quando entri chiederai un apparecchio che non si deve vedere, piuttosto che un offerta economica o quant’altro. Gli errori più comuni che possono essere commessi in questo frangente sono due:

  • Il tecnico audioprotesista è impreparato, non conosce l’offerta che hai letto sul giornale, cade dalle nuvole ed in questo caso rischi di iniziare subito con un’incomprensione, una sorta di pasticcio iniziale che andrà ad accumularsi fin dalle prime battute..e credimi accade più di quello che pensi
  • Nel secondo caso invece l’orientamento è commerciale e l’audioprotesista “cavalca” le tue richieste o le offerte senza fare una valutazione critica di cosa ti serve DAVVERO. Se gli chiedi l’apparecchio invisibile non si pone nemmeno la domanda se sia adatto a te e se risolverà il tuo problema. Questa condizione è un po’ più rara e riguarda soprattutto tecnici con poca esperienza o passione del loro lavoro

La prima visita

audioprotesista

Ovvero il momento in cui in prima battuta il tecnico inizierà a prendere conoscenza del tuo caso:

  • Iniziamo dal tempo. La visita deve durare, deve essere analizzato ogni dettaglio. Ho visto tecnici fare visite in 15 minuti. Non sono d’accordo. Una visita ben fatta non può durare meno di 1 ora o 1 ora e mezza. C’è tutta l’anamnesi, l’analisi del problema del paziente, tutti i test audioprotesici, la valutazione delle tecnologie, la discussione delle aspettative e degli obiettivi raggiungibili, la discussione sul budget del paziente, il coinvolgimento di eventuali altri professionisti e tutti i dettagli del progetto che andremo a fare. Dico la verità, molto spesso non bastano nemmeno 2 ore e per non sovraccaricare il paziente dobbiamo dividere la visita in più battute. Come si fa a gestire per bene tutti questi aspetti in 15-30 minuti?
  • Accompagnatori. Spesso il tecnico non fa “pressione” per avere presenti degli accompagnatori. Certo, è più difficile interagire con più persone ma i famigliari possono arricchire in modo unico le informazioni, ascoltano anche loro ciò che si è detto. Insomma, salvo esplicita richiesta da parte tua, dovrebbero essere presenti dei familiari di riferimento.
  • Anteporre le necessità dell’azienda alle tue. Ci sono realtà che per comodità e altri vantaggi lavorano con una sola marca di apparecchi. In questi casi il tecnico consiglierà quella marca ovviamente, ma lo fa perché è la miglior soluzione per il paziente o per altre motivazioni? Dal mio punto di vista l’audioprotesista deve poter lavorare con un portfolio di tecnologie estremamente completo e deve poter consigliare sempre la miglior soluzione possibile per la tua situazione.
  • Pigrizia e abitudine, sulla stessa linea del punto precedente, quando i tecnici si fossilizzano su alcuni modelli di apparecchi o metodi di regolazione semplicemente perché sono quelli che usano più spesso, ma non è detto che siano validi per il tuo problema di udito. E’ sempre bene chiedersi come mai un tecnico ti sta proponendo qualcosa: per il tuo bene o per abitudine?
  • Esami. Un altro punto critico è quello degli esami. Indipendentemente da ciò che possa pensare ogni collega, per me è necessario compiere una valutazione di esami approfondita. Soglia del fastidio, esame vocale con e senza competizione sono alcuni dei test che andrebbero sempre fatti
  • Prova degli apparecchi. Qua il discorso è ampio e complesso, vorrei sintetizzarlo dicendo che la prova degli apparecchi acustici deve esser fatta correttamente. Se l’audioprotesista ti fa provare gli apparecchi dicendoti che sentirai perfettamente allora può arrecarti seri danni. La prova deve essere il più possibile “tecnica”, si devono fissare degli obiettivi chiari, concreti e raggiungibili in quell’arco di tempo. Allora la prova ha senso di esistere e può aiutarti.

Consegna dell’apparecchio e prime regolazioni

audioprotesista

Ovvero il periodo in cui inizi a prendere confidenza con gli apparecchi e con il nuovo modo di sentire:

  • Superficialità. In questa fase l’audioprotesista potrebbe fare una serie di errori che potrebbero condizionare i risultati futuri. In questa fase devi essere in grado di indossarli e di portarli senza alcun fastidio fisico e/o acustico
  • “Venga lei se ne ha bisogno”, arriverà un momento in cui i risultati saranno soddisfacenti. In questi casi l’errore più importante che può fare il collega audioprotesista è dirti di tornare in studio quando ne avrai più bisogno. Mi odieranno in molti colleghi ma è sbagliato. Non si può fare così. I problemi vanno anticipati, gestiti prima che accadano, molti pazienti poi potrebbero non rendersi conto di alcune cose che non stanno funzionando correttamente. Dovresti avere sempre un appuntamento di controllo in agenda.
  • Le cose non vanno per il verso giusto. Può capitare, e in questo caso il tecnico deve avere un piano. Un team con cui confrontarsi, la possibilità di cambiare tecnologie, strategia o altro. 

Fase di “controllo”

tecnico audioprotesista

In questo frangente quello che il tecnico fa è di mantenere monitorato il guadagno uditivo ottenuto:

  • Trascurare i già clienti. Come dicevamo prima, ci devono essere sempre dei controlli dove, in maniera alternata, dovrà esser fatto un controllo regolare e accurato sugli apparecchi o sul tuo udito
  • Non proporre un miglioramento tecnologico. Spesso con il timore di offendere la persona dopo diversi anni di utilizzo degli apparecchi si ha il timore di parlare di nuove tecnologie che migliorerebbero l’esperienza d’ascolto. Lo capisco, perché è sempre un investimento che va ponderato. Ogni anno e mezzo esce una nuova tecnologia, che rende velocemente obsoleta la tecnologia precedente.Se porti gli stessi apparecchi da 5-6 anni  potresti considerare le migliorie che offre il mercato degli apparecchi acustici per il tuo udito. Dal mio punto di vista hai il diritto di sapere se ci possono essere delle soluzioni che possono migliorare la qualità della tua vita. E allo stesso tempo è dovere dell’audioprotesista informare i propri pazienti.

Prossima volta che ti rechi in un centro acustico, fai attenzione a questi particolari. Necessari per valutare e capire le competenze dell’audioprotesista che ti trovi di fronte. Scopri come prenotando una visita dell’udito senza impegno cliccando qui.

 

A presto!

Dott. Audioprotesista Francesco Pontoni

Responsabile R&S Clarivox – Il primo metodo in Italia che sintonizza il tuo udito con i giusti apparecchi acustici

P.S. Se non sai qual è il prezzo degli apparecchi acustici ti consiglio di scaricare la nostra GUIDA AL PREZZO

P.P.S. Iscriviti al nostro gruppo Facebook NON SEI SORDO! Gli apparecchi acustici non bastano – è qui che potrai pubblicare le tue domande ed esperienze a cui risponderò personalmente

Seguici su Facebook | YouTube | Instagram

Ascolta il Podcast

Scarica la nostra APP per iPhone | Android

Leggi il libro NON SEI SORDO!

 

2 pensieri su “Audioprotesista: come capire se è competente o meno?

  1. Adorando

    Buon giorno
    Sno affetto da sordità da parecchio tempo, ho consultato diversi audioprotesisti purtroppo nessuno a preso seriamente il mio problema consigliandomi questi o altri aparecchi,
    per ultimo h preso degli aparecchi della fonak specificando che mi interessava potere collegare alla tv ,invece dopo una spesa di 6.000
    euro non mi è possibile collegare alla tv, sul manuale delgli aparecchi cè una decitura che specifica di chiedere al audioproteista di stampare le vari passaggi per gestire al meglio , lo ho fatto presente ma unica risposta è solo pubblicità .
    Come posso fare valere le mie ragioni?
    Ringrazio D.Z.A

    Rispondi
    1. Francesco Pontoni Autore articolo

      Buongiorno e molto piacere.

      Quindi, ha preso degli apparecchi, in linea di massima è contento MA non riesce a collegarsi gli apparecchi alla tv, giusto? Il problema è principalmente questo? È venuto un audioprotesista a casa sua? Ha il dispositivo apposito che fa da ponte tra gli apparecchi acustici e la tv?

      Dott. Francesco Pontoni

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.