I tuoi apparecchi acustici prevedono la chiocciola su misura?

di | 22 Luglio 2021

chiocciola su misura

Piccole o grandi, a sventola o perfettamente allineate, flessibili o rigide, le nostre orecchie hanno forme diverse proprio come il nostro naso. Nonostante la particolarità della forma, che magari ci ha causato delle prese in giro a scuola, le nostre orecchie hanno una funzione fondamentale per la nostra comunicazione. Soprattutto se il nostro udito è carente, capire com’è fatta la forma delle nostre orecchie è indispensabile per ottenere il miglior risultato dagli apparecchi acustici. 

Questo cosa significa? Che come un vestito su misura, anche l’apparecchio acustico va fatto a regola d’arte. Aderendo all’impronta unica del tuo orecchio. Non è fatto su misura l’intero dispositivo tecnologico, anzi, le parti elettroniche dove è racchiusa l’intelligenza artificiale, non vengono toccate. Ma cambia la forma della parte che viene inserita all’interno dell’orecchio. Sia che l’apparecchio acustico si presenti come “interno”, oppure “esterno”. 

Cosa va all’interno dell’orecchio: chiocciola su misura o cupolina standard? 

La parte che va inserita all’interno dell’orecchio si distingue in due categorie: la chiocciola su misura e la cupolina standard. Questa parte dell’apparecchio acustico è essenziale in quanto la sua forma influenza il suono riprodotto dagli apparecchi acustici. Lo scopo delle chiocciole o delle cupoline, è quello di condurre il suono dall’apparecchio acustico retroauricolare (dietro l’orecchio) all’orecchio. Suoni che poi vengono elaborati dal cervello. Perché sentiamo con le orecchie, ma capiamo le parole grazie al cervello. 

Le cupoline standard, che assomigliano a un piccolo cono, non sono su misura, ma hanno delle misure standard. Di solito viene selezionata quella della misura che meglio si adatta al tuo orecchio. Il design delle cupoline è dotato di molta apertura e ventilazione, per far entrare suoni naturali (non solo quelli captati dai microfoni situati sull’apparecchio retroauricolare).

Le chiocciole invece vengono fatte su misura. Come? Sono realizzate in silicone e sono modellate per adattarsi alla forma del tuo orecchio. Viene fatto un foro attraverso il quale passa il suono dell’apparecchio che arriva all’orecchio. Viene anche realizzata una ventilazione per migliorare la qualità del suono e ridurre l’effetto di occlusione. Infatti la chiocciolina deve aderire perfettamente alla forma del nostro orecchio.

La scelta tra la chiocciola e la cupolina standard viene fatta in base a più variabili: il tipo di perdita uditiva, la forma e composizione del tuo orecchio, e le tue esigenze uditive e di stile di vita. 

Tipo di sordità: chiocciola su misura o cupolina standard? 

chiocciola su misura

Se hai una perdita d’udito dove fai fatica a sentire i suoni acuti, come ad esempio la voce di un bambino o un campanello, la cupolina standard andrà bene, perché fa passare più suono naturale. Mentre per chi fa fatica a sentire i suoni a bassa frequenza o che ha difficoltà a sentire i suoni a tutte le frequenze, la chiocciola su misura è più indicata. Questo perché riproducendo fedelmente la forma del tuo orecchio, rimane salda e fissa all’interno dell’orecchio. Il suono captato dagli apparecchi retroauricolari non si disperde, ma viene ben incanalato all’interno dell’orecchio. Aiuta ad evitare quello che viene chiamato effetto “feedback” ovvero un fischio causato dall’amplificazione del suono.

La scelta quindi della chiocciola su misura cambia da persona a persona. Abbiamo però notato una tendenza diversa tra portatori abituali di apparecchi acustici e persone che li indossano per la prima volta. Chi si approccia agli apparecchi da poco tempo, preferisce una cupolina standard, per la comodità iniziale. Anche perché non si è ancora abituato a portare ogni giorno un “auricolare” all’interno dell’orecchio. 

Penso che per la mia generazione sarà diverso, dato che siamo praticamente nati con gli auricolari alle orecchie e con la musica sparata a tutto volume (lo so, faccio mea culpa qui, siamo stati tutti adolescenti almeno una volta nella vita). 

Chiocciola su misura: come viene realizzata 

Il processo di produzione delle chiocciole è relativamente veloce e del tutto indolore. Prima di tutto, dopo aver scelto il tipo di apparecchio acustico, retroauricolare o endoauricolare (quello interno o “invisibile”), è sempre mio compito, come tecnico audioprotesista prendere le impronte del tuo condotto uditivo. La chiocciola è quindi realizzata secondo l’esatta forma del tuo orecchio. Proprio come un completo sartoriale su misura. Questo è il primo passo per raggiungere una regolazione ottimale dei tuoi apparecchi acustici. 

L’impronta viene presa seguendo 3 passaggi

1# Ispezione dell’orecchio: controllerò il condotto uditivo con un otoscopio, uno strumento medico usato per osservare l’interno dell’orecchio. Questa ispezione mi serve a capire se il condotto è normale e se le condizioni fisiche dell’orecchio rendono possibile prendere l’impronta. Gli ostacoli principali sono accumuli di cerume, materiale cutaneo, irritazione del condotto o cavità anomala. Se dovessi riscontrare uno di questi problemi ti indicherò come risolverli prima di prendere l’impronta. 

2# Inserimento di un “otostop”: non vogliamo che il materiale si avvicini troppo al timpano, quindi prima d’inserirlo nel condotto uditivo andremo a mettere una piccola barriera, così da proteggere il timpano. 

3# Prendere l’impronta: una volta fatta l’ispezione, se non ci dovessero essere i problemi che ti ho elencato nel punto precedente, procederò con le impronte. Attraverso una siringa, ovviamente senza ago, inserirò un materiale morbido nel condotto uditivo. Questo materiale si solidificherà in pochi minuti prendendo la forma del condotto uditivo. Il materiale per prendere l’impronta è un silicone biofasico, due sostanze miscelate assieme al momento che reagendo si solidificano.

chiocciola su misura

Dopo questi 3 passaggi invierò l’impronta per la produzione al laboratorio del produttore dell’apparecchio acustico che in precedenza abbiamo scelto assieme. 

Una volta pronta la chiocciola, è sempre mio dovere consegnarti gli apparecchi acustici e fare in modo che le chiocciole siano state realizzate a regola d’arte. Inoltre è importante che il tubicino che connette la chiocciola all’apparecchio retroauricolare sia della lunghezza giusta. Se troppo corto sentirai tirare in modo fastidioso la chiocciola; allo stesso tempo se troppo lungo potresti avere difficoltà a mantenere l’apparecchio nella giusta posizione dietro all’orecchio.

Come si indossa una chiocciola su misura? 

Una volta trovata la misura giusta del tubicino, ti insegnerò ad indossare le chiocciole nel modo corretto. Per inserire la chiocciola, meglio spegnere gli apparecchi o abbassare il volume degli stessi. Posiziona l’apparecchio dietro l’orecchio, inserisci quindi la chiocciola nell’orecchio aiutandoti con una leggera trazione dell’orecchio all’indietro o verso l’alto. In questo modo il condotto uditivo si raddrizza facilitando l’inserimento della chiocciola all’interno dell’orecchio. Per rimuovere le chiocciole, spegni o abbassa il volume degli apparecchi e toglile delicatamente dall’orecchio.

chiocciola su misura

Dopo averci fatto l’abitudine, è anche molto importante mantenere le chiocciole in efficienza e imparare a pulirle (puoi sempre passare in centro acustico dove mi prenderò cura delle tue chiocciole, senza costi). È importante farlo almeno una volta a settimana. 

Stacca con cautela il tubicino dall’apparecchio acustico. Sciacqua la chiocciola e il tubicino con acqua corrente tiepida. Metti la chiocciola in ammollo in acqua e sapone neutro o con soluzione apposita per 10 minuti, così da rimuovere cerume e sporcizia. Asciuga le chiocciole con un panno morbido, e poi lasciale asciugare su un panno o carta assorbente con foro di uscita rivolto verso il basso. Una volta asciutto attacca nuovamente il tubicino con la chiocciola all’apparecchio acustico. Evita cotton fioc, stuzzicadenti, scovolini od oggetti simili che danneggiano la chiocciola. 

Questi sono dunque tutti gli accorgimenti per raggiungere una riabilitazione acustica ottimale utilizzando le chiocciole su misura. Se desideri ricevere più informazioni ti consiglio di prendere un appuntamento senza impegno per valutare la tua situazione uditiva e le soluzioni più adatte al tuo udito cliccando qui.

A presto!

Dott. Audioprotesista Francesco Pontoni

Responsabile R&S Clarivox – Il primo metodo in Italia che sintonizza il tuo udito con i giusti apparecchi acustici

P.S. Se non sai qual è il prezzo degli apparecchi acustici ti consiglio di scaricare la nostra GUIDA AL PREZZO

P.P.S. Iscriviti al nostro gruppo Facebook NON SEI SORDO! Gli apparecchi acustici non bastano – è qui che potrai pubblicare le tue domande ed esperienze a cui risponderò personalmente

Seguici su Facebook | YouTube | Instagram

Ascolta il Podcast

Scarica la nostra APP per iPhone | Android

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.