Quali sono le fasce di prezzo degli apparecchi acustici?

di | 23 Gennaio 2020

La domanda che di certo ti fai prima di procedere ad un qualsiasi acquisto è scoprire il prezzo finale. Come informarsi sulle diverse fasce di prezzo degli apparecchi acustici prima dell’acquisto. 

Quando si tratta della tua salute e dello stare meglio con gli altri, questa cifra la vedi come un investimento, non in soldi buttati al vento. 

Le diverse fasce di prezzo degli apparecchi acustici

Sul mercato esistono centinaia di modelli, con prezzi e funzionalità differenti, che possiamo riassumere in quattro fasce principali.

Mi rendo conto che potresti pensare: “sì, ma io vorrei sapere esattamente quanto spenderò”. Per questo ti scrivo per le varie fasce quelle che di fatto sono le scelte più comuni.

Le statistiche che ti propongo sono quelle di cui dispongo sulla base di più di 5.000 pazienti che attualmente stiamo seguendo negli studi Pontoni – Udito & Tecnologia.

fasce di prezzo degli apparecchi acustici

La fascia Sociale

La prima io la chiamo fascia Sociale perché sono le tecnologie di base che il sistema sanitario nazionale rende disponibili.

Rappresenta circa il 2% degli apparecchi totali scelti dai pazienti, poiché dotati di una tecnologia arretrata, e simili agli amplificatori acustici.

La fascia Basic

La fascia Basic è la fascia consigliata ai pazienti con un tipo di vita semplice.

Come persone che hanno bisogno di sentire bene per parlare a tu per tu e che mai si troveranno in mezzo alla confusione.

Con gli apparecchi che rientrano in questa fascia, assistiamo a un miglioramento dell’udito in alcune situazioni. Ma dove è presente rumore o dove sono presenti le voci di più di quattro/cinque persone, la maggior parte dei pazienti non ha risultati accettabili nella comprensione del parlato.

La fascia Medium

La fascia Medium viene scelta dalla maggior parte dei miei pazienti che cerca una soluzione ampiamente testata e collaudata. 

Non è la più performante, ma rappresenta per molti un ottimo compromesso qualità-prezzo.

Sono gli apparecchi del giorno d’oggi, lavorano grazie alla classificazione ambientale. Sono tutti dotati di wireless e ti permettono di comprendere discretamente le parole anche in situazioni rumorose.

I modelli presenti in queste tre fasce di prezzo degli apparecchi acustici, lavorano allo stesso modo nel silenzio.

Ma non appena si presenta un ambiente disturbato da rumori, solo gli apparecchi di quest’ultima fascia permettono una discriminazione verbale accettabile.

La fascia Medium mostra risultati ottimali anche sui suoni molto bassi, come il bisbiglio e il sussurro.

E’ la tipologia di apparecchi scelta da clienti con stile di vita attivo, pazienti giovani, che frequentano bar, cinema, concerti e utilizzano prodotti tecnologici come telefonini e computer.

La fascia Advance

La fascia Advance presenta apparecchi che, oltre a collegarsi alla tecnologia wireless, comunicano tra loro.

 

Queste protesi non sono più indipendenti, ma diventano un unico e precisissimo ausilio nella classificazione ambientale.

Sono gli apparecchi più avanzati in assoluto nei confronti della discriminazione verbale nel rumore. Poiché, nella mia casistica, permettono di ottenere un ulteriore incremento del 20% rispetto a quelli della fascia medium

Rappresentano lo stato dell’arte e dell’innovazione tecnologica disponibile.

Sono la soluzione ideale per ipoacusie (con curve tonali) complesse e presentano, in aggiunta rispetto alle altre fasce, la caratteristica della direzionalità.

fasce di prezzo degli apparecchi acustici

Può sembrare una banalità ma prova a ragionarci un attimo: come fai a capire da dove arriva il suono? Il nostro cervello usa molte informazioni assieme e una di queste, è data dalla differenza di volume fra le due orecchie.

Cioè, un suono che proviene dalla tua destra sarà un po’ più forte nell’orecchio di destra e un po’ più debole a sinistra, perché la tua testa attenua un po’ il suono, giusto?

Se hai gli apparecchi (normali, tradizionali) il suono più debole (quello che nell’immagine è a 50 db) viene amplificato annullando di fatto questo tipo d’informazione.

In conclusione 

Con le tecnologie connettive invece si crea un’area di comunicazione fra gli apparecchi.

Perciò l’apparecchio è in grado di comprendere da dove arriva il suono e a gestirlo di conseguenza… e ti garantisco che non è un dettaglio da poco.

Se vuoi scoprire di più riguardo alle fasce di prezzo degli apparecchi acustici, ti consiglio si scaricare la nostra guida al prezzo. 

La signora Natalìa, dopo una visita di controllo, si è decisa ad utilizzare gli apparecchi acustici. Non sentire bene per lei era un handicap, ora sente anche “un po’ troppo bene”!

Ricordati che la sintonizzazione corretta di qualsiasi apparecchio acustico, determina la miglior riuscita. Per questo abbiamo sviluppato un percorso di diverse fasi chiamato Clarivox®

Questo metodo ci permette di seguirti al meglio e sintonizzare correttamente gli apparecchi acustici, secondo le tue esigenze uditive. 

A presto, 

dott. Francesco Pontoni

Autore del libro “Non sei sordo!”

P.S.: Per capire le tue esigenze uditive, e tipi di apparecchi acustici adatti, una visita può durare anche 2/3 ore. 

Perciò se ci chiami abbi un po’ di pazienza: possiamo prenderci in carico al massimo 2 persone nuove per centro.

Per questo motivo la nostra lista d’attesa è piuttosto piena. Per seguirti nel miglior modo possibile, abbiamo bisogno di molte ore da dedicarti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.