Filtro paracerume degli apparecchi acustici – 5 cose da sapere

By | 11 aprile 2018

Che cos’è il filtro paracerume?

Il filtro paracerume (o filtrino) è un componente del tuo apparecchio acustico e serve per proteggerlo dagli agenti esterni:
-dal cerume presente all’interno del tuo condotto
-dal grasso della pelle presente sia nel condotto che dietro all’orecchio
-dalla polvere e altre sporcizie presenti nell’ambiente

Devi pensare ai tuoi apparecchi acustici un po’ come alle lenti degli occhiali.

Non fai apposta, li tieni con cura eppure di continuo ti accorgi che sarebbero da pulire.

Più si sporcano e peggio vedi, vedi offuscato, la visione non è più nitida come prima.

Ecco, la stessa cosa vale per questi filtri. Servono proprio per evitare che questi detriti vadano ad intasare e a danneggiare l’intero apparecchio acustico.

Per questo li hanno inventati e da un pò di anni semplificano la vita di chi usa queste tecnologie.

Una volta per ripulire l’apparecchio bisognava mandarlo 2 o 3 settimane nell’azienda produttrice. Lì lo aprivano, pulivano tutto e dovevano ri-assemblare tutti i vari componenti.

Oggi con una semplice operazione che dura si e no 5 secondi puoi fare tutto questo.

Ovviamente non è un miracolo, è semplicemente un filtro e riesce a contenere questi detriti fino ad un certo punto. Poi bisogna cambiarlo!

Tutti gli apparecchi acustici hanno il filtro paracerume?

Non voglio entrare all’interno delle specifiche tecniche degli apparecchi acustici ma cerco di spiegarti nella maniera più semplice possibile quali ce l’hanno e quali no.

Ti faccio una piccola premessa: anche se è scontato, questo filtro serve proprio per proteggere l’elettronica che sta all’interno del tuo apparecchio acustico dal cerume.

Il cerume ovviamente è presente all’interno del condotto uditivo.

Quindi, per prima cosa, posso dirti che il filtro è presente in tutti quei apparecchi acustici che hanno dell’elettronica all’interno del tuo orecchio.

Ti dico subito che al giorno d’oggi un buon 80% degli apparecchi presenti sul mercato ha questa caratteristica quindi ci sono buone possibilità che anche il tuo apparecchio acustico ce l’abbia.

In questo video ti faccio vedere i principali tipi di apparecchi acustici per vedere se hanno o meno questo filtro.

Tu sai già che di che tipologia è il tuo apparecchio?

Nella maggior parte dei casi potrebbe essere quello che noi audioprotesisti chiamiamo in gergo “RITE” (receiver in the ear – con il ricevitore nell’orecchio). Sono in assoluto quelli più “moderni”, tecnologici e discreti. Hanno la maggior parte del circuito posto all’esterno del tuo orecchio ed un cavetto elettronico porta il suono all’interno del tuo condotto facendolo fuoriuscire da un “ricevitore”.

In questo caso c’è dell’elettronica all’interno del tuo orecchio (il ricevitore) che deve essere protetta dal cerume. Come? Grazie al filtro paracerume.

Se hai un apparecchio acustico di questa tipologia di sicuro hai anche il filtro paracerume da tenere sotto controllo.

Esistono poi altri tipi di apparecchi, ad esempio quelli che vanno tutti dentro all’orecchio. I cosiddetti “apparecchi acustici invisibili“.

Qui esistono tante “sottocategorie” ma per semplicità li chiamo “cic” (completely in the canal – completamente nel canale) e già dal termine puoi capire che tutta l’elettronica, tutto l’apparecchio sta all’interno del tuo orecchio.

A maggior ragione questo tipo di apparecchio spesso non ha un filtro solo bensì 2 (a volte anche 3)…per sicurezza, se hai un apparecchio di questo tipo chiedi i dettagli al tuo tecnico audioprotesista.

Alla fine nel video ti faccio vedere una tipologia che solitamente NON HA questi filtri paracerume. Sto parlando della categoria dei BTE (Behind the ear – dietro all’orecchio). Come puoi capire dal nome in questo caso TUTTA l’elettronica è dietro al tuo orecchio e non c’è bisogno di protezioni, sarebbero superflue.

Il filtro paracerume è uguale in tutti gli apparecchi acustici?

Quando li compri devi stare attento perché ne esistono di tante marche e modelli.

Inoltre, un apparecchio potrebbe avere addirittura 3 o 4 modelli diversi, in base a come sono stati scelti dal tuo tecnico audioprotesista.

Per questo ti consiglio di chiederlo direttamente a lui e poi ricordati di prendere sempre quelli. Se non ti ricordi il nome o devi mandare un tuo caro a comprarli allora ti consiglio di dargli la confezione che li contiene.

L’addetto all’interno del centro riconoscerà subito il modello del tuo filtro paracerume!

Cosa può succedere se sbagli?

Che il filtro paracerume non aderisca bene e che rimanga all’interno del tuo orecchio alla prima occasione.

Non è una cosa piacevole, me ne rendo conto, ma non è neanche da preoccuparsi. Vai subito in pronto soccorso e un medico abilitato te lo toglierà in pochi secondi.

Come puoi cambiare il filtro paracerume?

è andato tutto bene per 2-3 giorni e poi nulla…questo apparecchio non vale niente!

Quante volte ho sentito questa frase… ormai se ci penso mi viene da sorridere…

Devi sapere che puntualmente, ogni volta, era sufficiente cambiare il filtro paracerume dell’apparecchio acustico.

Il filtro serve appunto per impedire al cerume che vada a finire all’interno dell’elettronica. In questo modo l’apparecchio non si danneggia però è ovvio che prima o poi questo filtro… si riempie!

In questo caso l’apparecchio funziona correttamente però il suono non passa oltre al filtro proprio perché trova un “muro”.

Cosa devi fare allora? Devi cambiare il filtro paracerume. Come farlo? Te lo spiego in questo video.

Forse avrai un filtro simile o anzi, potresti averlo decisamente diverso…”all’apparenza”. Te lo dico perché i filtri sono diversi, sembrano diversi ma il ragionamento di base che serve per cambiarli è sempre lo stesso.

Con lo stesso “strumentino” che ti viene dato dal tecnico devi prima togliere il filtro vecchio e poi inserire il filtro nuovo. Fatto! Niente di più facile.

Se hai ancora qualche dubbio e non sai come fare scrivimi un commento qui sotto e ti risponderò prima possibile!

Ogni quanto devi cambiare il filtro paracerume?

La risposta è molto soggettiva.

Ho persone che cambiano il filtro paracerume ogni settimana e altri una volta l’anno. Non lo fanno per divertimento ma perché hanno un orecchio diverso e una diversa produzione di cerume e di sudore per esempio.

Anche il ph della pelle è diverso e per questo motivo un filtro potrebbe “intasarsi” nel giro di poco tempo mentre un altro potrebbe non intasarsi mai.

Insomma, ogni persona ha la sua situazione.

Quello che devi sapere è che sono dei filtri intercambiabili e nel 90% dei casi se il tuo apparecchio non funziona è:

-il filtro intasato

-la batteria scarica/messa male

Magari starai pensando: “ma non sono mica rimbambito, so come pulire i miei apparecchi acustici e come cambiare le batterie“.

Si lo so bene ma facendo queste azioni ogni giorno può essere che per distrazione non fai tutto bene. Te lo dico perché vedo queste cose ogni giorno, anche dai ragazzi più “svegli” che conosco.

Prima di tutto assicurati che la batteria sia buona e posizionata bene.

Se l’apparecchio non funziona bene allora sostituisci il filtro paracerume.

In questo caso l’hai sostituito al momento del bisogno. L’ideale, per fare le cose proprio bene, sarebbe invece di cambiarli PRIMA di intasarli. Devi tener presente che sono pur sempre dei filtri (componenti di plastica) e non fanno miracoli.

Può essere che dopo una certa quantità di cerume e del grasso della pelle una parte oltrepassi il filtro andando a depositarsi direttamente sull’elettronica.

Magari non te ne accorgi neanche ma detrito dopo detrito il tuo apparecchio si deteriora sempre più finché si danneggia e ti ritrovi costretto a cambiare dei componenti (come il ricevitore o il microfono). Per prevenire questi spiacevoli disagi ti consiglio di cambiarlo ALMENO una volta al mese (e all’occorrenza).

Buon ascolto,

 

Francesco Pontoni

Autore del libro NON SEI SORDO – Scopri come recuperare fino al 90% del tuo udito grazie al GIUSTO apparecchio acustico (ed evitare fregature)

Responsabile della formazione per gli audioprotesisti Pontoni – Udito & Tecnologia

 

Ps. Oggi ti ho parlato di una tematica estremamente specifica e allo stesso tempo utile per i tuoi apparecchi acustici. Se stai valutando quali apparecchi acustici prendere o se ce li hai già ma non sei contento ti posso consigliare 2 cose:

-se abiti tra il Friuli Venezia Giulia e la provincia di Venezia chiama subito il 848-390019 per prendere appuntamento con un nostro audioprotesista. Ti spiegherà, senza alcun impegno, come migliorare la tua situazione (sempre se ci sono le possibilità)

-altrimenti potresti iniziare ad informarti BENE. Puoi leggere gratuitamente tutti gli articoli di questo blog o il libro NON SEI SORDO che è una sorta di guida per fare le migliori scelte prima di fare un acquisto.

 

2 thoughts on “Filtro paracerume degli apparecchi acustici – 5 cose da sapere

  1. Salvatore Camuti

    Dot. Pontoni, buona sera, la mia audiometrista mi diceva di pulire, ogni tonto, con della garza il filtro. Può andare bene o bisogna cambiarlo, come lei ben dice, e il costo è a mio carico?
    Grazie, distinti saluti.

    Reply
    1. Francesco Pontoni Post author

      Buongiorno sig. Salvatore,

      i filtri si possono anche pulire ma, senza ombra di dubbio, prima o poi vanno anche cambiati. Se il costo è a carico suo? Dipende dagli accordi che ha preso con la sua audioprotesista e dalla loro politica aziendale. Saluti,

      Francesco Pontoni

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *