Karate e Udito: la storia di Adriana Neri

di | 21 Aprile 2022

karate e udito

“Nessuno può colpire duro come fa la vita, perciò, non è importante come colpisci, l’importante è come sai resistere ai colpi, come incassi, e se finisci al tappeto, hai la forza di rialzarti”

Adriana ha 31 anni ed è istruttrice di arti marziali, nello specifico karate, cintura nera terzo dan, la pratica da 20 anni. Per lei è una disciplina, uno stile di vita, più che uno sport. Il karate ti obbliga a uscire dalla tua zona di comfort e combattere non solo con un avversario, ma anche e soprattutto con te stesso. Devi iniziare a capire te stesso, iniziare a modificare ”ciò che è sbagliato in te stesso” e nello stesso momento combattere con tutto ciò che è esterno. È quindi una disciplina e non è uno sport di per sé. 

Questa disciplina l’ha anche aiutata quando, quasi tre anni fa, si è presentato il problema di udito, che ha risolto indossando gli apparecchi acustici. Infatti Adriana non si è mai trovata nella situazione di non voler svelare alle persone la sua problematica, lei stessa afferma che è comunque una problematica evidente.

“Perché se devi continuare a ripetere – scusa mi puoi dire di nuovo cosa hai detto – è visibile, quindi ho sempre preferito avvisare subito la persona della situazione che c’è”.

Adriana è un bellissimo esempio da seguire su come affrontare i problemi di udito, infatti non si è mai vergognata (forse un po’ all’inizio), anzi, ora scherza tranquillamente con gli amici sul fatto che non sente bene. Non vive il suo problema di udito come un qualcosa di negativo. Perché come una persona che non vede bene mette gli occhiali, anche una persona che non sente bene mette gli apparecchi acustici.

Nascondere un problema di udito è molto più difficile che affrontare realmente il problema, viverlo e accettarlo come ha fatto Adriana.

Più cerchi di nascondere il problema di udito più si noterà. Perché chiedere di ripetere 10 volte si nota. 

Adriana è sempre seguita dalla dottoressa Marina Pinatti che le ha saputo consigliare gli apparecchi acustici più adatti al suo stile di vita attivo, seguendo il percorso di riabilitazione acustica Clarivox®. Infatti tra telefonate, riunioni su Zoom e vita sociale attiva, gli apparecchi acustici più corretti per Adriana l’hanno aiutata molto e la stanno tuttora aiutando.

A presto!

Dott. Audioprotesista Francesco Pontoni

Responsabile R&S Clarivox – Il primo metodo in Italia che sintonizza il tuo udito con i giusti apparecchi acustici

P.S. Se non sai qual è il prezzo degli apparecchi acustici ti consiglio di scaricare la nostra GUIDA AL PREZZO

P.P.S. Iscriviti al nostro gruppo Facebook NON SEI SORDO! Gli apparecchi acustici non bastano – è qui che potrai pubblicare le tue domande ed esperienze a cui risponderò personalmente

Seguici su Facebook | YouTube | Instagram

Ascolta il Podcast

Scarica la nostra APP per iPhone | Android

Leggi il libro NON SEI SORDO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.