Uno o due apparecchi acustici – 10 fattori da considerare (1 parte)

By | 18 novembre 2015

Devi portare uno o due apparecchi acustici?

Ti sei già chiesto se devi portare uno o due apparecchi acustici?

Ho tanti amici ottici nel Friuli Venezia Giulia e non ne ho ancora trovato uno che mi abbia riferito di clienti che gli abbiano chiesto esplicitamente un occhiale con una lente sola.

Ho un’amica che vende scarpe in una grande catena conosciuta in tutta Italia e anche lei mi riferisce che nessun cliente ha mai chiesto esplicitamente una scarpa sola.

E potrei continuare ore con questi esempi..ma NON nel mondo delle protesi acustiche.

In questo settore sembra essere normalissimo che tu mi chieda “devo mettere uno o due apparecchi acustici ?”

La risposta è estremamente facile nella maggioranza dei casi ma come per ogni cosa ci sono le eccezioni alla regola.

Laddove è possibile, tra uno o due apparecchi acustici bisogna sempre e poi sempre scegliere la seconda opzione, due apparecchi acustici.

Non era esattamente così però quando ho iniziato a fare questo lavoro tanti anni fa e lo era ancora meno quando questo lavoro lo ha iniziato mio padre, Roberto Pontoni, negli anni ’70 (qui puoi trovare il suo libro, La mia 500 Blu).

Soprattutto in quegli anni c’era tanta ignoranza, non esistevano scuole specifiche per l’audioprotesista ed il mestiere lo si apprendeva giorno dopo giorno, sul campo.

Quella volta nessuno si chiedeva se portare uno o due apparecchi acustici. Era scontata la prima opzione, ma va anche detto che quella volta l’apparecchio lo portava solo il “sordo del paese“.

Non ci si interessava di perdite uditive meno gravi, come potrebbe essere la tua (infatti è probabile che non hai una sordità totale ma piuttosto che hai bisogno di ritornare a sentire i dettagli) ma ci si interessava solo per chi proprio non ci sentiva niente!

Allora interveniva mio padre (o l’audioprotesista di turno) e applicava un grande apparecchio acustico. Era rarissimo metterne due.

Questo modo di lavorare è andato avanti negli anni

Era normale intervenire così ed io stesso quando ho iniziato questo lavoro vedevo tante tante persone con un solo apparecchio.

Cioè, voglio dire, tanti audioprotesisti consigliavano il secondo ma la storia finiva lì, se lo volevi bene se no pazienza.

Col tempo, con l’università e con tutte le conferenze cui ho partecipato mi sono reso conto sempre di più che avere tutte e due le orecchie protesizzate era il MINIMO per ottenere dei risultati soddisfacenti.

Ho assistito a tante conferenze in cui presentavano le differenze tra le due soluzioni. Ce ne sono tantissime! Ma se ci pensi dovrebbe essere una cosa ovvia.

Sei nato con 2 orecchie e con un sistema uditivo estremamente complesso che ha bisogno di ricevere le “informazioni” (quindi il suono) sia da una parte che dall’altra per poter riuscire a tradurlo e codificarlo (e quindi per capire le parole).

Passi dall’avere un risultato del 40% (con un apparecchio) ad uno che può arrivare al 90% (con due apparecchi) di un udito normale.

Pensa, oggi giorno se vieni da me e mi chiedi di utilizzare apparecchio acustico solo io non te lo do. O due o niente (tranne alcune eccezioni che dopo andremo a vedere).

Non è per capriccio, non è una questione economica ma solamente una maggior soddisfazione da parte tua.

Il che non è poco perché una maggior soddisfazione da parte tua fa accrescere di molto il passaparola cui ci tengo particolarmente.

Te lo dico onestamente: non posso permettermi di avere una persona scontenta

NON voglio dedicare le risorse economiche per fare pubblicità ogni giorno sul giornale o sulla tv. Preferisco ad esempio attrezzare i centri o avere apparecchi acustici di maggiore qualità.

Oggi ci sono diversi approcci di lavoro nelle varie aziende, ed uno dei punti su cui si distinguono i diversi tecnici è il scegliere uno o due apparecchi acustici.

Ci sono vari punti che portano qualcuno a preferire un approccio più “tradizionale” ed altri che optano da subito per usarne due. Te lo dico chiaramente, io (salvo rare eccezioni) ho scelto di consigliare al paziente “due o niente”.

Per farti capire meglio quello di cui sto parlando ti faccio vedere un grafico che tiene in considerazione la comprensione del parlato e l’equilibrio (acustico, cioè il bilanciamento fra le due orecchie) nel modo in cui lavoro io (vedi il mio logo) , nel modo in cui lavorano le aziende di una volta utilizzando un solo apparecchio (non tutte eh) e per ultimo nel modo di lavorare con un amplificatore acustico (se non sai cos’è leggi qui).

 

uno o due apparecchi acustici

Detto questo, voglio farti vedere quali sono i criteri da considerare nella scelta tra uno o due apparecchi acustici:

  • il prezzo
  • la comprensione della voce
  • l’accettazione psicologica
  • la perdita uditiva
  • malformazioni o anomalie fisiche
  • l’equilibrio
  • la vita sociale
  • la protezione uditiva
  • la localizzazione sonora
  • la storia acustica

Il prezzo tra uno o due apparecchi acustici

Bè, a parità di modello dell’apparecchio acustico scelto è ovvio che la spesa raddoppia. Se non hai idea di quali sono le fasce di prezzo ti invito subito a scaricare la guida al link qui sotto:

https://apparecchiacusticipontoni.com/prezzo-degli-apparecchi-acustici/

Adesso ti dico la mia idea riguardo uno dei punti più discussi nel nostro ambiente:

Se vuoi un modello specifico ma hai difficoltà ad affrontare questa spesa per i 2 apparecchi acustici vale sempre questa regola:

E’ meglio che scegli i due apparecchi acustici più economici che ci sono piuttosto di prendere il migliore (e quindi più caro) apparecchio acustico che ci sia.

Tra uno o due apparecchi acustici, a parità di prezzo quindi, sempre sceglierne due.

E credimi lascia stare il “intanto ne prendo uno buono e poi vedremo”, è la peggior cosa che puoi fare.. dopo ti abitui, non sei soddisfatto, perdi fiducia negli apparecchi acustici ecc ecc.

Tante aziende che lavorano nella modalità “vecchia” ti fanno spendere tutto il tuo budget per uno solo, per poi dirti nei mesi/anni successivi che se vuoi un bel risultato devi per forza metterne il secondo.

Preferisco scegliere direttamente la soluzione corretta stando all’interno del tuo budget senza darti spiacevoli sorprese poco dopo tipo “devi spendere altrettanti soldi“.

Se invece tra uno o due apparecchi acustici scegli la seconda soluzione ma sei fuori budget è meglio diluire la spesa con un finanziamento a tasso 0, non trovi?

La comprensione della voce tra uno o due apparecchi acustici

Per comprensione della voce intendo quante parole capisci con un apparecchio e quante ne capisci con due. Intanto, in che situazioni tieni una conversazione?

  • nel silenzio
  • in mezzo al rumore

Nel primo caso cambia poco

Se mi tappo un orecchio e ascolto mia moglie ti assicuro che capisco tutto, però tendo a fare un pò di fatica in più e non ascolto rilassato come lo faccio normalmente.

In presenza di un minimo rumore le cose cambiano drasticamente

Se ci pensi è quasi impossibile stare nel silenzio completo. C’è sempre una tv accesa, una radio, delle persone che parlano nei paraggi, il rumore del traffico, il cane che abbaia ecc ecc.

Ecco, in tutte queste situazioni (70% della nostra vita?) avere uno o due apparecchi acustici fa una differenza enorme. Il tuo cervello ha un udito selettivo, cioè può scegliere dove focalizzare maggiormente la sua attenzione uditiva.

Ti faccio un esempio. Sei in un ristorante con tua moglie e sei incuriosito dalla coppia che sta dietro a voi e il tuo udito può concentrarsi su quel tavolo lasciando stare le parole di tua moglie.

Questo non significa che non la senti (non c’è un pulsante VOCE MOGLIE OFF) però riesci a capire con più facilità quello che ti interessa.

Non te ne accorgi ma questo ti capita costantemente, ogni giorno.

Poni tutta la tua attenzione su quello che vuoi ascoltare.

Ti sto parlando di questo processo perché è quello che ti permette di capire il più possibile nelle situazioni rumorose ma ciò avviene MOLTO MOLTO meglio se le informazioni sonore ti arrivano da entrambe le orecchie.

In questo modo il cervello lavora spendendo molte meno energie e facendoti capire molte più parole.

Poi devo anche dirti che dipende dalla situazione in cui ti trovi e anche un udito perfetto potrebbe avere delle difficoltà. Studi dimostrano che una persona con:

  • un udito perfetto capisce circa il 90/95% delle parole in un ristorante
  • due apparecchi acustici può capire fine al 85/90% delle parole in un ristorante
  • un apparecchio acustico può capire fino al 40/45% delle parole in un ristorante

Hai capito?La metà! Prova a pensare cosa significa capire 4 parole su 10.. non riesci a star dietro ad una conversazione, diventa impossibile! La scelta tra uno o due apparecchi acustici inciderà in maniera significativa nella tua vita sociale!

Accettazione psicologica

Il terzo ed ultimo parametro che ti racconto in questo articolo è l’accettazione psicologica.

A volte mi ritrovo di fronte a persone che mettono (metaforicamente) un muro davanti a me. Mi vedono un pò come un nemico.

Probabilmente sono stati trascinati in studio dai famigliari e pur di evitare altri stress e litigi in casa hanno deciso di entrare in un negozio di apparecchi acustici.

Sanno benissimo che hanno un problema di udito ma non vogliono minimamente accettare di mettere degli apparecchi. Nella nostra società in questo momento è come se “accettiamo che gli anni stiano andando avanti” e certe persone semplicemente non sono pronte.

In queste occasioni posso spiegare a queste persone tutto nel dettaglio, cosa succede se ne mettono uno, due o perfino nessuno ma loro non ascoltano. Non ne vogliono sapere. Non accettano la loro situazione e a volte si decide assieme alla famiglia di lasciar stare ancora per un po’ mentre in altre occasioni si trova un “accordo” di iniziare con uno.

Lo so che il principio generale prevede, laddove possibile, sempre due apparecchi acustici ma in queste rarissime situazioni la persona in questione deve capire che mettere un apparecchio acustico non è una brutta cosa. Anzi, significa riprendere in mano la propria vita, comunicare con i propri cari e ritornare alle proprie passioni ormai perdute.

Oggi ti ho parlato dei primi tre aspetti da tenere in considerazione nella tua scelta tra uno o due apparecchi acustici, la prossima volta (dammi qualche giorno) ne saprai di più sugli altri.

 

Buon ascolto

Francesco Pontoni

Ps. se ancora non hai scaricato la guida al prezzo degli apparecchi acustici fallo ORA seguendo questo link:

https://apparecchiacusticipontoni.com/prezzo-degli-apparecchi-acustici/

PPs. se invece vuoi scoprire quali sono gli altri criteri da tenere in considerazione nel scegliere il giusto apparecchio acustico ti consiglio di leggere il libro NON SEI SORDO, di cui sono uno degli autori.

 

AGGIORNAMENTO:

PARTE 2

PARTE 3

7 thoughts on “Uno o due apparecchi acustici – 10 fattori da considerare (1 parte)

  1. Pingback: Uno o due apparecchi acustici - 9 fattori da considerare ( 2 parte)

  2. Pingback: Uno o due apparecchi acustici - 9 fattori da considerare (3 parte)

  3. Pingback: Un apparecchio acustico o due - 9 fattori da considerare (3 parte)

  4. Pingback: Devi informarti prima di prendere degli apparecchi acustici a Pordenone?..

  5. Pingback: Come acquistare l'apparecchio acustico migliore (ed evitare fregature)

  6. Pingback: Perdere un apparecchio acustico NON deve rovinarti la vita

  7. Pingback: Apparecchi acustici a Latisana: perché devi prendere quelli giusti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.